La solitudine del cittadino globale di Zygmunt Bauman

Le credenze non devono essere coerenti per essere accettate

Zygmunt_Bauman_La_solitudine_del_cittadino_globale

Care ragazze,

ci sono momenti o fasi della vita in cui l’unica cosa ragionevole da fare è restare in silenzio. Non per sempre, ovvio.
Attualmente questa è la mia condizione, infatti non ho parole.
E così leggo e prendo le parole degli altri per ritrovare le mie.

“La consapevolezza di ciò che rende le cose così come sono può indurci tanto a gettare la spugna quanto ad agire. La conoscenza del modo in cui funzionano i meccanismi sociali complessi e non immediatamente visibili che forgiano la nostra condizione è notoriamente un’arma a doppio taglio. Il più delle volte se ne fanno due usi ben distinti, che Pierre Bourdieu ha definito, in modo appropriato, “cinico” e “clinico”. Tale conoscenza può essere usata “cinicamente”: poiché il mondo è quello che è, penserò a una strategia che mi permetta di sfruttare le sue regole a mio vantaggio; che il mondo sia equo o iniquo, piacevole o no, è una questione irrilevante. Quando è usata “clinicamente”, quella stessa conoscenza può aiutare te e me a combattere più efficacemente ciò che entrambi consideriamo sbagliato, nocivo o lesivo del nostro senso morale. Da sola, la conoscenza non ci fa decidere per l’uno o per l’altro degli usi. Questa, in ultima analisi, dovrà essere una scelta nostra. Ma senza quella conoscenza non esisterebbe una scelta iniziale. Con quella conoscenza le donne e gli uomini liberi hanno almeno un’opportunità di esercitare la propria libertà.
Ma cosa c’è da sapere?”*

“Le più infauste e dolorose tra le angustie contemporanee sono rese perfettamente dal termine tedesco Unsicherheit (…)
In un mondo caratterizzato da una rapida globalizzazione, nel quale una larga fetta di potere, e la fetta più importante, è preda della politica, queste istituzioni non possono fare granché per offrire sicurezza o certezza. Quello che possono fare e che stanno cercando di fare è convogliare l’ansia, estesa e diffusa, verso una sola componente della Unsicherheit, quella della sicurezza personale, l’unico ambito in cui qualcosa può essere fatto e viene efficacemente fatto. Il guaio è che mentre un intervento efficace per debellare, o perlomeno mitigare, l’insicurezza e l’incertezza richiede un’azione comune, gran parte delle misure adottate in nome della sicurezza personale producono divisione: seminano il sospetto, allontanano le persone, le spingono a fiutare nemici e cospiratori dietro ogni polemica o presa di distanza, e finiscono per isolare ancora di più chi già vive isolato. Ma la cosa peggiore è che tali misure non solo lasciano intatte le vere fonti dell’ansia, ma consumano tutta l’energia che esse generano: un’energia che potrebbe essere utilizzata molto più efficacemente se venisse incalanata nello sforzo di riportare il potere nell’ambito dello spazio pubblico gestito politicamente.”**

Buona notte e buona fortuna

Elena

*Zygmunt Bauman, La solitudine del cittadino globale, Milano, 2000, traduzione di Giovanna Battini, p. 10
** ivi, p. 13

Tags: ·····

3 Comments so far ↓

Leave a Comment